EPIGRAMMA LX

Laudat, amat, cantat nostros mea Roma libellos,
Meque sinus omnes, me manus omnis habet.
Ecce rubet quidam, pallet, stupet, oscitat, odit.
Hoc volo: nunc nobis carmina nostra placent.

La mia Roma loda i miei libri, li ama, li declama,
sono in tutte le tasche, in tutte le mani. Ma, ecco, qualcuno
diventa rosso, pallido, si stupisce, sbadiglia, mi odia.
Obiettivo raggiunto: ora le mie poesie piacciono anche a me.

Marco Valerio Marziale, da Liber sextus

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...