CARO DON GIULIO

Roma 4-1-1963

Caro Don Giulio,

stavolta sono proprio a bocca aperta e senza parole. La grossa Befana costruttiva, assolutamente imprevedibile, fuori di tutti gli oroscopi! Non mancherò di rescrivere le reazioni di mia figlia quando tornerà da Modena, dove la nonna emiliana la sta educando ai tortellini e al lambrusco. Naturalmente mi toccherà di rifare il pacco (sarà difficile: l’arte dell’imballaggio è per me tra le più misteriose).
Mia madre aveva les larmes aux yeux. Queste sono le sorprese che uno o lo fregano (infarto) o lo fanno balzare su per le scale gridando: Caricaaaa!
Hai giurato di farti voler bene, vero? Lo volete in ginocchio, con bandiera bianca e senza onore delle armi il vostro

Gianni Rodari
schiacciato al suolo

Nella fretta di aprire il pacco mi sono infilzato le forbici nella mano sinistra ma il tetano non mi è venuto: sono già passate due ore, perciò sono salvo. Considero la puntura una giusta punizione degli dei perché a me idee così belle non vengono mai: segno che sono ancora più cattivo di quello che penso.

posto per le lagrime (in un riquadro)

Gianni Rodari, da Lettere a Don Julio Einaudi,
Hidalgo editorial

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...